Per ridere un pò - Denuncio Tutti Lea Garofalo - Musica disco anni '80

Piazzetta Rossa
Largo Nicolò Cannella
Roma RM
Manifestazione: 
Venerdì, 6 Settembre, 2019 18:00

ore 18:00 Spettacolo di clownerie per bambini
ore 21:00 Spettacolo teatrale Denuncio Tutti Lea Garofalo
ore 22:30 Musica disco anni '80

  • Denuncio Tutti Lea Garofalo
    Denuncio Tutti Lea Garofalo Denuncio Tutti Lea Garofalo
  • Per ridere un po'
    Per ridere un po' Per ridere un po'

Spettacolo interattivo di clownerie per bambini, a seguire spettacolo a cura del Teatro Prisma: Denuncio Tutti Lea Garofalo.

ore 18:00 Spettacolo di clownerie per bambini
a cura di Abraxa Teatro
Per ridere un po’
Una zuppa di allegria e di emozioni con la semplicità e la fragilità propria dell'uomo... clown spesso posto di fronte a ciò, che solo apparentemente è più grande di lui. Nello spettacolo Zuppetta si presenterà agli occhi dei bambini danzando dentro una strana e gigante tazza da latte con la quale creerà la prima scena buffa, conquistandosi immediatamente la simpatia dei bimbi.

Pagina facebook

ore 21:00 Spettacolo teatrale
a cura del Teatro Prisma
Denuncio Tutti Lea Garofalo
testo e regia Giovanni Gentile
con Barbara Grilli
Difficile rimanere indifferenti alla violenta arroganza delle mafie. Qui la compagnia Teatro Prisma di Bari presenta Denuncio tutti. Lea Garofalo. Storia di una testimone di giustizia italiana, uccisa della 'ndrangheta, dalla famiglia del suo ex compagno e padre di sua figlia Denise. Non si può raccontare Lea se prima non si racconta come la Ndrangheta entri dentro la vita di ciascuno di noi e la influenzi. Quando Giovanni Gentile ha scritto questo spettacolo ha pensato quanto fosse giusto mettersi accanto a Lea e denunciare Lea Garofalo si ribellò alla famiglia, e alla 'ndrangheta, e pagò con la propria morte. Non difesa da nessuno, prima di tutto da quello Stato a cui si era rivolta, a cui aveva denunciato e che senza motivi validi, nel 2006, le revocò la possibilità di far parte del programma di protezione, che le era stato concesso nel 2002, insieme a sua figlia Denise, in quanto le sue dichiarazioni non erano abbastanza. Non era abbastanza essersi messa contro tutti, non era abbastanza aver messo a rischio la sua vita e quella di sua figlia. E lei denunciò anche lo Stato, e il Consiglio di Stato le diede ragione facendola ritornare nel programma nel 2007. Ma nonostante tutto nel 2009 pagò per quanto fatto.
«Quando ho scritto questo spettacolo - dichiara il regista e autore Giovanni Gentile - sentivo quanto fosse giusto mettersi accanto a Lea e denunciare. E io che sono una persona libera posso dire le cose che diceva Lea, ma ad ogni parola sono consapevole di perdere un grammo di questa libertà, perché quando si deve portare alla luce lo scandaloso mondo della Ndrangheta, l'alleanza assassina tra Stato e mafia, inevitabilmente sai che questa libertà la stai per perdere».

Pagina Facebook

ore 22:30 Musica disco anni '80

 

Il programma potrebbe subire variazioni

Telefono: 
065084625
3939929813
3492139838
Ingresso: 

offerta libera

A cura di: 
Officina delle Culture
Note: 

Accessibilità per disabili: SI