Colonia

GRATUITO
Vari luoghi
Roma RM
da Sabato, 20 Luglio, 2019 a Martedì, 23 Luglio, 2019

dalle ore 16:00 alle 23:00 Cupola_Hic et Nunc
alle ore 18:00 incontri con esperti
dalle ore 18:00 alle 22:00 BERMUDAS_loop

  • Colonia
    Colonia Colonia

Colonia è un padiglione mobile che appare in occasione dell'anniversario dello sbarco sulla Luna, avvenuto il 20 luglio 1969, cinquanta anni fa.

Per quattro giorni, dal 20 Luglio al 23 Luglio si installa in tre luoghi diversi del VII Municipio, uno al giorno, e resta aperta al pubblico dalle quattro del pomeriggio fino alle undici di sera. È un'installazione/performance mobile destinata a spostarsi per la città; è un'istituzione fantastica dedicata alla creazione e alla condivisione di esperienze temporali fruite direttamente sul corpo dei visitatori: appare nella città che lo ospita temporaneamente e per una durata specifica e si muove agilmente nel territorio, dialogando con l'architettura e le caratteristiche dello spazio che la ospita.

Si svolge il:
20 Luglio a Largo Spartaco
21 Luglio a Piazza San Giovanni Bosco
22 e 23 Luglio a Piazza di Villa Fiorelli

È un progetto performativo e divulgativo che ha come obiettivo quello di far incontrare, attraverso una modalità diffusa e interattiva, il pubblico generico con le diverse modalità di riflessione sul tempo che l'arte e la scienza mettono in campo oggi. Il progetto si prefigge di rendere accessibili a un più vasto pubblico, le attuali conoscenze scientifiche e filosofiche sullo spazio-tempo: dalla scoperta della relatività di Albert Einstein, alla teorie delle stringhe e delle onde gravitazionali.

Ogni giorno, dalle 16:00 alle 23:00 lo spazio di Colonia è animato dalla performance Cupola_Hic et Nunc di Muta Imago, da Bermudas di Mk e da una serie di incontri sul tema dello spazio tempo, con esponenti del mondo culturale, intellettuale e scientifico.

Programma sintetico delle giornate:
dalle ore 16:00 alle 23:00 Muta Imago - Cupola Hic et Nunc
dalle ore 17:00 alle 22:00 MK - Bermudas loop
ore 18:00 - dialoghi. In particolare ecco i temi dei dialoghi e i relatori (per ogni giorno)
- il 20 Luglio Arte nel tempo con Gianluca Brogna e ospiti segreti
- il 21 Luglio Il tempo dal vivo con Valentina Valentini
- il 22 Luglio Il corpo nel tempo con Michele Di Stefano, Katia Di Rienzo, Silvia Rampelli
- il 23 Luglio Il tempo in sé con Giovanni Iorio Giannoli

Muta Imago Cupola_Hic et Nunc
regia Claudia Sorace
Età minima per partecipare all’esperienza Cupola_Hic et Nunc: 12 anni
Cupola_Hic et Nunc è il primo dispositivo dell’ampia ricerca sul tema dello spazio tempo che la compagnia Muta Imago sta portando avanti. Cosa significa provocare in scena i limiti della nostra concezione e percezione abituale del passaggio del tempo? Cosa c'è intorno a noi che non vediamo? Con Cupola_Hic et Nunc, lo spettatore è invitato ad entrare, da solo, in una piccola cupola geodetica, uno spazio sospeso, calmo, isolato da qualsiasi coordinata spazio-temporale, seppure posizionato nel cuore della città. Il visitatore è invitato a mettersi comodo sdraiandosi su un lettino, a indossare una cuffia ed una maschera per essere protagonista di un viaggio che parte da una natura sensoriale, per arrivare a distanze siderali attraversando e rimodulando le coordinate spazio-temporali di cui ognuno di noi fa esperienza nella vita di tutti i giorni.

MK BERMUDAS_loop
Bermudas è un sistema coreografico pensato per un numero variabile di interpreti (da tre a tredici), intercambiabili tra loro. E’ un organismo di movimento basato su regole semplici e rigorose che producono un moto perpetuo, adottabile da ogni performer come una condizione per esistere accanto agli altri e costruire un mondo ritmicamente condiviso.
Il lavoro è ispirato dalle teorie del caos, dalla generazione di insiemi complessi a partire da condizioni elementari, dai sistemi evolutivi della fisica e della meteorologia.
In Bermudas_loop alcuni interpreti della compagnia si mettono a disposizione di chiunque voglia apprendere in diretta le regole base dello spettacolo, con la promessa di un appuntamento: il giorno 7 settembre andrà in scena per il festival Short Theatre di Roma una versione della durata di tre ore dello spettacolo, aperta alla partecipazione delle persone che ne hanno imparato il semplice meccanismo di movimento e i pochi essenziali segreti necessari per condividere l’esperienza con i danzatori.
Il lavoro è ispirato dalle teorie del caos, dalla generazione di insiemi complessi a partire da condizioni elementari, dai sistemi evolutivi della fisica e della meteorologia.

Rispetto alla grande questione di cosa sia il tempo e dei modi attraverso i quali possiamo farne esperienza, ogni giorno a partire dalle 18:00 prendono la parola personalità del mondo culturale e scientifico, per approfondire i due filoni di riflessione che nel Novecento hanno caratterizzato la speculazione sul tempo: il primo deriva dai percorsi del sapere scientifico, il secondo è legato all’evoluzione della riflessione filosofica.
Dalle teorie di Einstein fino a quelle del filosofo francese Tristan Garcia, passando per Agostino, Husserl e Heidegger, facendoci ispirare dalle incredibili scoperte scientifiche degli ultimi anni (l'esistenza delle onde gravitazionali; la verifica della teoria delle stringhe; le ultime rivelazioni della neurobiologia sulle modalità di relazione del nostro cervello con il tempo) si vuole attivare un percorso di ricerca che studi approfonditamente qual è lo stato dell'arte sul pensiero dell'uomo in rapporto al tempo.

 

Il programma potrebbe subire variazioni

Ingresso: 

libero

A cura di: 
Index Muta Imago
Note: 

Accessibilità per disabili: SI
Età minima per partecipare all’esperienza Cupola_Hic et Nunc: 12 anni

Nessun appuntamento in corso